Gli hacker alla conquista del mondo

Gli hacker alla conquista del mondo: è quello che emerge dallo «Internet Security Threat Report 2014» recentemente pubblicato dal Symantec Security Response, un team mondiale di tecnici della sicurezza, analisti e ricercatori sulle minacce che sviluppa un’ampia gamma di contenuti sulle minacce più recenti che colpiscono organizzazioni e utenti finali.

Il rapporto sulla sicurezza informatica nel 2013 contiene dati impressionanti:
Dati salienti dell’Internet Security Threat Report 2014
Punti principali

  • 91% di aumento delle campagne di attacchi mirati nel 2013
  • 62% di aumento del numero di violazioni nel 2013
  • Oltre 552 milioni di identità esposte da violazioni nel 2013
  • 23 vulnerabilità zero-day scoperte
  • 38% di utenti mobili che hanno sperimentato il crimine informatico negli ultimi 12 mesi
  • Il volume di spam è sceso al 66% di tutto il traffico di e-mail
  • 1 su 392 e-mail contiene attacchi di phishing
  • Gli attacchi basati sul Web sono aumentati del 23%
  • 1 su 8 siti Web legittimi contiene una vulnerabilità critica

In generale nel 2013 le violazioni di sistemi informatici sono aumentate del 62% rispetto al 2013 ed hanno portato all’acquisizione illegittima di dati di carte di credito, date di nascita, numeri di identificazione nazionale, indirizzi, informazioni finanziarie, login e password, e altre informazioni personali.

Come osservato anche da Panorama “noi italiani non dobbiamo affatto pensare di essere al sicuro o al riparo da questi attacchi: siamo il decimo Paese al mondo a essere bersagliato. Ai primi posti ci sono Stati Uniti, Cina, India, evidentemente per dimensione geografica. Ma il 2,35 per cento delle minacce è transitato nelle vene delle reti tricolore”.

Aumentano i messaggi di phishing e le email infette da virus informatici o cavalli di troia. Ma spesso la diffusione non autorizzata di dati è dovuta ad errori e disattenzioni dei titolari (29%) mentre nel 27% dei casi avviene in seguito allo smarrimento di computer, dispositivi mobili e memorie di massa.

Per cercare di difendersi le regole sono semplici quanto spesso disattese dagli utenti:

  • mantenere aggiornati il sistema operativo e l’antivirus;
  • utilizzare password lunghe e non banali, e cambiarle di frequente;
  • verificare i link presenti nelle email prima di cliccarli;
  • non inserire dati personali e password su siti non sicuri;
  • distruggere hard-disk e altre memorie prima di smaltirle;
  • non utilizzare servizi di cloud storage per memorizzare dati importanti;
  • utilizzare sistemi di crittografia.
Gli hacker alla conquista del mondo
Tagged on:                             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.